Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

lunedì, luglio 17, 2006

Le visioni della Stregoneria e le conferme della scienza.


LE VISIONI DELLA STREGONERIA
E
LE CONFERME DELLA SCIENZA


Come la ricerca scientifica dimostra la validità del Libro dell'Anticristo.
Leggetevi il capitoletto intitolato "L'Universo" (vedi), il primo capitoletto del Libro dell'Anticristo che descrive la prima mia visione dell'Universo scritto nel 1985 e confrontate le affermazioni che vi vengono fatte nell'articolo di divulgazione scientifica del Venerdì di Repubblica.
Tenete presente che le affermazioni iniziali del primo capitoletto del Libro dell'Anticristo furono sbeffeggiate e ridicolizzate da quel torbido figuro che risponde al nome di Stefano Lorenzetti giornalista de Il Giornale nell'articolo che fece su di me.
Scrisse:
"Infatti dal basso del suo diploma di terza media suda freddo ogni qualvolta s'avventura in dissertazioni irte di concetti come questo: <<>>, in cui la varietà d'accenti rende complicato stabilire dove finiscano le congiunzioni e comincino i pronomi."
Leggi l'articolo completo.
Verificare per credere!

Da: Venerdì di Repubblica del 14 luglio del 2006.

BIG BANG
VA BENE, L'UNIVERSO NASCE CON IL GRANDE BOTTO.
MA PRIMA?

Finora la fisica classica ha immaginato l'origine di tutto con un mutamento traumatico. Adesso una ricerca USA va più indietro, e rivela: c'era un altro "mondo" precedente al nostro.

Di Luigi Bignami

Sapere cosa c'era prima della nascita dell'universo è possibile? Una domanda a cui sembrerebbe impossibile dare una risposta visto che non sappiamo neppure esattamente come sia nato l'Universo. Secondo la teoria più accreditata, infatti, considerata valida anche dalla Relatività generale di Albert Einstein, è il Big Bang l'"inizio" del tutto, il grande evento che diede origine non solo alle diverse forme di materia e energia che permeano il cosmo, ma anche allo "spazio" e al "tempo". E' in quel momento, dunque, che si plasmò l'Universo così come oggi lo vediamo, con le infinite sfaccettature di cui ancora conosciamo molto poco. Già sarebbe una scoperta senza confronti definire i dettagli di quel lontano "inizio", ma pur essendoci andati molto vicini, gli scienziati possono ricostruire gli eventi solo a partire dagli istanti successivi al grande botto.
Nonostante i limiti e le difficoltà, vi sono fisici che stanno comunque oltrepassando la frontiera, tentando di farsi strada in quel che c'era prima del Big Bang. Una ricerca che non è possibile realizzare con le teorie classiche della fisica, ma che richiede concetti e applicazioni di teoria quantistica. Tra coloro che stanno tentando questa impresa ai limiti delle conoscenze umane vi è Abhay Ashtekar, direttore del Institute For Gravitational Physics And Geometry della Penn State University (USA) che spiega: "La fisica classica, teoria della Relatività compresa, può essere utilizzata per studiare il nostro universo fino al momento in cui la materia era così densa che le equazioni matematiche non sono più in grado di descriverne il comportamento. Al di là di questo punto, qualunque ricerca deve necessariamente applicare le regole quantistiche".
Ma cos'è la teoria quantistica? Nata come tentativo di spiegare la fisica delle particelle elementari della materia a livello microscopico, ossia il comportamento degli elementi che compongono gli atomi, in seguito crebbe fino ad incorporare anche fenomeni che coinvolgono il cosmo nella sua globalità.
La formulazione della teoria richiede complessi concetti matematici, che non si possono rendere visibili con degli esempi pratici, perché nel mondo macroscopico che conosciamo e in cui siamo immersi i fenomeni quantistici non si manifestano palesemente. Dunque, bisogna lavorare solo con la matematica e al più con un po' di fantasia scientifica.
La teoria quantistica, comunque, ci dice che studiando il modo di agire delle particelle più piccole dell'Universo si arriva a comprendere che la materia di cui siamo composti possiede anche comportamenti ben diversi da come ci appare nella realtà di tutti i giorni.
Così le spiega Gennaro Auletta, della Pontificia Università Gregoriana di Roma: "Secondo la teoria quantistica non esiste una realtà obiettiva della materia. Faccio un esempio: se un oggetto può stare in due posti diversi, per la fisica quantistica esso può stare anche in un altro luogo che è la combinazione dei primi due". Un concetto complesso che porta anche ad un'altra conseguenza quasi paradossale. "Quando si osserva un fenomeno, l'osservazione non è mai indipendente dall'osservatore", spiega Auletta.
In altre parole ciò significa che la realtà non è un elemento oggettivo, ma si mostra in modi diversi in rapporto al tipo di osservazione. Le dinamiche fondamentali del micromondo, inoltre, sono caratterizzate dalla causalità ed è possibile che, in determinate condizioni, la materia possa "comunicare a distanza" o possa addirittura "scaturire" dal nulla.
Facendo fede a questa complessa teoria Ashtekar e i suoi collaboratori, Tomasz Pawlowski e Parmpreet Singh, sono riusciti a sviluppare un modello matematico che attraversa il Big Bang, e hanno raggiunto ciò che vi era prima di esso.
Spiega Ashtekar: "La nostra ricerca ci ha permesso di concludere che prima dell'inizio del Tutto vi era un altro Universo che a differenza del nostro, che si sta espandendo, si stava contraendo". Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Physical Review Letters, dimostra che l'Universo che ci precedette era sottoposto a forze gravitazionali intensissime che portarono tutta la materia di cui era composto a precipitare su se stessa fino a un punto nel quale presero sopravvento le "proprietà quantistiche". E fu in quelle condizioni che la forza di gravità anziché far contrarre la materia attirandola su sé stessa, la rese repulsiva.
Ancora Ashtekar: "Usando le equazioni cosmologiche di Einstein opportunamente modificate, abbiamo trovato che anziché del classico Big Bang dobbiamo parlare di un quantum bounce (rimbalzo quantico), ossia di un fenomeno che ha fatto esplodere un concentrato di materia estremamente compressa". Continua il fisico: "Siamo rimasti così sorpresi dalle conclusioni dello studio che porta all'esistenza di un Universo pre-Big Bang, che abbiamo ripetuto le simulazioni con diversi parametri e per diversi mesi ma i risultati sono inequivocabili: il nostro Universo è stato preceduto da un altro Universo".
L'idea di un Universo precedente al Big Bang era già stata formulata nel passato, ma questa è la prima volta che viene descritto in termini matematici definendone anche alcune proprietà geometriche spazio-temporali. L'aver individuato l'esistenza di un Universo che ha preceduto il nostro, ripropone il destino stesso del Cosmo in cui viviamo. Oggi l'ipotesi sostenuta da più dati vuole che il nostro Universo si espanda per sempre. Ma ancora molti sono gli interrogativi che attendono una risposta. Qual è il ruolo, ad esempio, dell'energia oscura e della materia oscura che permeano il Cosmo? E soprattutto, le leggi fisiche che governano l'Universo di oggi saranno ancora valide tra miliardi di anni, quando le condizioni saranno completamente diverse?

Fine articolo del Venerdì di Repubblica del 14 luglio del 2006.

Un'allucinazione si distingue da una visione non per i modi in cui e con cui si esprime, ma per la sua aderenza con la realtà nella quale viviamo.
Una visione è tale nella misura in cui risponde ai bisogni dell'individuo trasformando in immagine le intuizioni del reale che dalla parte profonda del cervello emergono. Questa visione, che è uno dei fondamenti del mio percorso di Stregoneria, è una visione che, sia pur con modalità e interpretazioni diverse, si è riproposta più volte nel corso della storia e gli individui l'hanno messa a fondamento della costruzione delle Antiche Religioni che oggi chiamiamo Pagane Politeista.
Noi non possiamo sapere se la notizia scientifica sia di una completezza tale da confermare senza contestazioni la teoria, ma sta di fatto che non è compito della scienza, bensì della religione, trasferire le "modalità del divenire dell'universo" in pratica della vita quotidiana dell'Essere Umano.
Considerate che incontrai gli DEI circa dieci o undici anni dopo questa visione.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo