Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

sabato, maggio 24, 2008

La magia, la truffa, la chiesa cattolica e il decreto dell'Unione Europea contro la truffa

Era anche ora.
I truffatori sono sempre dei truffatori: chi vende miracoli; chi vende indulgenze; chi vende tarocchi; chi vende pronostici astrologici; chi vende inferno e paradiso.
Per farlo, tutti loro, devono sfruttare l’ingenuità e la credenza fideistica delle persone.
Credere dell’oroscopo non è diverso al credere nel dio padrone; credere nei tarocchi non è diverso dal credere in cristo Gesù; credere nei dodici segni zodiacali non è diverso dal credere nei dodici apostoli; credere nella previsione del superenalotto non è diverso dal credere nella vagina vergine della madonna.
I creduloni sono una fonte di guadagno per chi li usa, anche se indubbiamente c’è un diverso impatto sociale fra chi usa la manipolazione mentale nei confronti dei bambini e la chiama “religione rivelata” e chi sfrutta la manipolazione mentale imposta dalla religione rivelata per promettere quei miracoli o per leggere quel destino che il cristo Gesù o il dio padrone ha preparato.

Riporto un articolo de La Stampa che parla della direttiva Europea e di alcune reazioni che a tale direttiva ci sono state. Posso convenire con Otelma che non c’è nessuna differenza fra la truffa messa in atto dalla chiesa cattolica con un Ratzinger che “ma solo in collegamento con l'impossibilità che l'ingiustizia della storia sia l'ultima parola, diviene pienamente convincente la necessità del ritorno di Cristo e della nuova vita.” e il mago televisivo che quel progetto rivela per le esigenze della singola persona, ma sta di fatto che sia la chiesa cattolica che i maghi televisivi usano le stesse persone ingenue, usano la stessa simbologia di sottomissione, usano le stesse categorie di credenze.
Otelma dovrebbe sapere che un principio, il non poter truffare le persone ingenue, una volta diventato elemento discriminante nella società diventa elemento discriminante per tutto: CHIESA CATTOLICA COMPRESA!
Io sono comunque contento, perché i Wicca, i Wiccans, che hanno sempre usato tarocchi e astrologia come elemento centrale del loro essere persone religiose spacciandosi per “pagani”, saranno costretti a fare i conti con la realtà religiosa e sociale.

L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di “tutelare i consumatori da promesse impossibili e da falsi rimedi miracolosi.”. Come, per esempio, le truffe di Padre Pio. La truffa della Sindone. La truffa di Lourdes. La truffa di Fatima. Le truffe del don Bosco contro l’unità d’Italia e le invettive magico-superstiziose contro la famiglia reale!
Chissà se certi Wicca che ho conosciuto in web faranno la stessa dichiarazione imposta dall'Unione Europea!


http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/societa/200805articoli/33074girata.asp
24/5/2008 - LA LOTTA ALLE TRUFFE
La rivolta dei maghi
La Ue li costringe a dichiarare:
"Non abbiamo poteri, il nostro è solo un gioco"

BRUNO VENTAVOLI
Molti veggenti l'avevano di sicuro previsto e probabilmente hanno preparato i cartelli in tempo. Da lunedì prossimo ogni chiromante, medium, lettore di tarocchi della Gran Bretagna dovrà avvisare i propri clienti che quello che dice non è necessariamente vero, anzi, ha buone probabilità di non esserlo affatto. Una norma che applica una direttiva dell’Unione Europea contro le vendite commerciali disoneste obbligherà chi si diletta in pratiche esoteriche a dire con chiarezza che ciò che viene offerto non è stato provato sperimentalmente ed è «un semplice divertimento». Ma come? Io vado dal mago per chiedere se la noiosissima moglie finalmente mi abbandonerà e lui mi avverte, prima dell’agognato responso, che la profezia è da tenersi in scarsa considerazione? E’ vero che siamo abituati alle promesse dei politici, e a comprare pacchetti di sigarette con la scritta che il fumo nuoce gravemente alla nostra salute. Ma tutto questo sembra uno scherzo di Mr. Bean. E il mago Otelma non ci sta. «Trattasi di una cretineria, anzitutto. E poi di una corposa esibizione di crassa ignoranza da parte di chiunque lo abbia proposto e lo approvi». «Per definire non scientifica la materia - continua Otelma, che si fregia di quattro lauree - occorrerebbe avere certezza del significato del termine “scienza”. Ma anche uno studentello alle prime armi, che abbia frequentato un corso di Storia della Scienza, sa che non esiste una communis opinio sul concetto di Scienza. Ampi studi hanno dimostrato che l’influenza degli astri esiste. E la più grande democrazia del mondo, l’India, ne ha tenuto conto reintroducendo nelle sue università lo studio dell’astrologia». E se proprio si vuole combattere la credulità, serve par condicio. «Il Vaticano può avere le sue grotte miracolose, le statue che piangono, tutte cose non dimostrabili scientificamente – continua Otelma – e poi il mago nel suo studio deve applicare il cartello. Va benissimo per combattere i truffatori. Ma perché non lo mettiamo anche sulle porte delle chiese? Il problema è che la Chiesa ha paura della nostra concorrenza. Quindi io invito gli operatori dell’Occulto d’Italia e d’Europa, quelli seri, quelli onesti, a ribellarsi a tale manovra sciocca e antidemocratica». Il provvedimento della Ue suona certo un po’ buffo. E magari pilatesco e ipocrita, ma l’esigenza è seria, grave, doverosa. Il problema infatti non è tanto tornare a Pico Della Mirandola o a Giordano Bruno per stabilire quanto c’è di magico nella scienza e di scientifico nella magia, ma semplicemente cercare di tutelare i tanti ingenui che finiscono preda dei sedicenti maestri di ogni manzia. Le cronache sono piene di poveracci truffati da loschi individui che usano cappelli strani, palle di vetro, malocchi, con l’ausilio di internet e televendite, per sgraffignare denari. Le denunce sono ogni anno migliaia, e quelli che non hanno il coraggio di denunciare, sono ancora di più. Ma i maghi «seri», dai truffatori, pretendono di essere i primi a prendere le distanze. «Si parla tanto di truffe occultistiche, ma alla fine io sono stato fregato da burocrazia e commercialisti, e ho dovuto fermare la mia attività per un problema con l’Iva», scherza «Magia 2000», alias Giovanni Lucerna, esperto di cartomanzia, psicocibernetica, e molte altre cose. Lo userà il cartello british? «Nessun problema. Anzi, credo sia una cosa giusta. Io ho sempre lavorato così, ho sempre avvertito i miei clienti che non potevo risolvere i loro problemi con delle fatture o dei miracoli. Le mie parole, le mie tecniche, hanno un effetto placebo. Aiutare le persone depresse con il pensiero positivo. Il nostro lavoro è dare il sorriso a chi l’ha perso, non approfittare di chi soffre». La maga Kirone, astrologa, cartomante, medium, è apprezzata da trent’anni per le sue previsioni. Spiega che non tutti nascono maghi. Anzi, pochissimi possiedono queste arti. E prendere le distanze da «quelli alla Wanna Marchi che vendono pomate meravigliose» è un dovere anche della nostra categoria. «Questo è un mestiere che si fa per amore, non per guadagnare. Io ho sempre mangiato ma non mi sono mai arricchita. E questo i miei clienti lo sanno, come sanno che le mie previsioni funzionano. E, mi creda, essere sensitivi, vedere le cose diverse dalla normalità, talvolta è un gran peso». D’accordo con l’avvertenza inglese? «Sì, non mi darebbe alcun disturbo, la legge è uguale per tutti. Ma i miei clienti, che mi conoscono da anni, credo se ne farebbero un baffo. Loro hanno fiducia nelle mie profezie. Se li avvertissi con la scritta che tutto quello che io dirò loro è un semplice divertimento mi chiederebbero “Ti sei ammattita?”».


Esistono dei buoni psicologi che si nascondono sotto le vesti di “mago”.
Chi ha fatto pratiche di Stregoneria, sa che cos’è la Stregoneria e sa quanta costanza e quanto dolore è necessario attraversare per costruire una diversa relazione emotiva con il mondo.
Ma, perché le persone vanno dal cartomante?
Con 20 euro ti acquisti un mazzo di carte e, davanti al disgraziato di turno, mentre fai le carte, ti senti un piccolo dio padrone onnipotente: lui pende dalla tua bocca! Chi si fa fare le carte perde la capacità critica, esattamente come la persona che va a farsi confessare dal prete cattolico. Si costruisce una situazione di dipendenza psicologica: ed è ciò per cui la chiesa cattolica ha lavorato.
Però, se la persona ha più fiducia nel cartomante che non nel prete confessore non è dovuto perché l’uno è più bravo dell’altro, ma perché il prete confessore, che disponeva di un potere illimitato, ha dimostrato di essere un criminale sociale che ha sempre usato il suo ruolo per ricattare e umiliare le persone di cui ne aveva il controllo mediante la confessione. Pretendeva di gestire la loro vita.
Col cartomante no! Salvo rare eccezioni, fai la consulenza, paghi il richiesto, e tutto finisce lì.
E’ come per la prostituzione e il successo che hanno le prostitute nei rapporti sessuali. Con una moglie ci si relaziona con tutta la persona e spesso è faticoso. Oggi non vuole, domani ha il mal di testa, dopodomani devi essere attento alle sue esigenze, ecc. ecc. Con la prostituta, nò. Paghi la prestazione e tutto finisce là.
La chiesa cattolica, con la sua truffa, pretende di impossessarsi dell’intera persona, della sua quotidianità, dettando la morale per le sue scelte e spesso imponendo scelte innaturali e inumane con le minacce e il ricatto.
Il rapporto col mago è limitato alla domanda e alla risposta che si ottiene.
Il decreto dell’Unione Europea non dà una patente di magia esclusiva alla chiesa cattolica.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it