Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

mercoledì, giugno 11, 2008

Ci sarà una patria per tutti o non ci sarà per nessuno!

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
E i Veneti furono contenti,perché rubacchiavano.
-
Poi vennero a prendere le donne lungo le strade
E i Veneti furono contenti,
perché, impotenti, erano invidiosi dei loro clienti.
-
Poi vennero a prendere gli omosessuali e le lesbiche,
e i Veneti furono contenti, perché erano loro fastidiosi.
-
Poi venneroa prendere i comunisti, i contestatori e i democratici,
e i Veneti non dissero nulla, perché non erano comunisti,
non sapevano contestare, né conoscevano la Democrazia.
-
Un giorno vennero a prendere i Venetie io non c’ero a protestare e, quand’anche ci fossi stato,
per loro non alzerei una voce!

---

A me non interessa se la traccia originale sia di:
Martin Niemöller 1892-1984,
Bertolt Brecht

A me interessa il senso civile che descrive molto bene la Democrazia definita dalla Costituzione.
Una democrazia che dice che la “patria è tale solo se è per tutti!” oppure, non è patria per nessuno!
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it