Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

giovedì, settembre 18, 2008

Le bugie di Alfano e le sue offese alla società civile

Diciamocela tutta: Alfano non ha autorizzato a procedere contro Sabina Guzzanti per pura vigliaccheria morale.
Alfano ha sempre protetto gli insulti di Ratzinger alla società civile, alla Costituzione aiutandolo a costringere i bambini Italiani in ginocchio davanti ad un criminale, quale Gesù, che ordina di scannare chi non vuole che sia il loro padrone. Ha sempre aiutato i vescovi cattolici ad offendere le Istituzioni e ad aggredire i cittadini italiani.
Al processo, Alfano, SAPEVA che la Guzzanti sarebbe stata assolta e molte colpe criminali di Ratzinger e del suo ufficio avrebbero potuto diventare di dominio pubblico.
Così, al fine di consentire a Ratzinger di continuare ad offende la società civile, le Istituzioni democratiche e la stessa Costituzione. Come sa Ratzinger non fosse quel delinquente che interferisce, con l’aiuto di politici complici, negli affari interni Italiani imponendo quella morale che suona offesa alla Costituzione della Repubblica.
Per questo motivo, e solo per questo motivo, Alfano non ha concesso l’autorizzazione a procedere contro la Guzzanti perché avrebbe, in realtà, proceduto contro Ratzinger.
Quando Ratzinger ha insultato gli studenti della Sapienza di Roma la parte politica di Alfano, anziché rispondere indignata agli insulti di Ratzinger, ha difeso il suo diritto di offendere, denigrare e stuprare la Costituzione Italiana e le regole della società civile. Una società civile che impone il confronto e non l’asservimento ad un padrone che è un principio di quella monarchia assoluta che Ratzinger vuole imporre all’Italia trasformando i suoi cittadini in schiavi.


Roma 18 settembre 2008
Alfano non concede l'autorizzazione
a procedere contro la Guzzanti

Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha annunciato che non concederà l'autorizzazione adavviare un processo a carico di Sabina Guzzanti, per quantodichiarato dall'attrice l'8 luglio scorso, in occasione del 'No Cav Day' in piazza Navona, a Roma. Durante il suo intervento alla scuola politica del presidente della Lombardia Roberto Formigoni all'Università cattolica, il guardasigilli ha ricordato che i pm devono chiedere l'autorizzazione del governo in quanto la show girl è accusata di vilipendio in base all'articolo 178 del Codice penale che si estende alle offese al Papa per il Concordato tra Italia e Stato del Vaticano che richiama anche l'articolo 290.
"Come tutti i cittadini - ha detto il Alfano - anche io ho accolto con tristezza e indignazione le parole della Guzzanti. Oggi mi trovo, nel rispetto della laicità dello Stato, a dare un parere. Ho sentito il parere degli uffici che concludono per la procedibilità, ma ho deciso però di non concedere l'autorizzazione perché, conoscendo lo spessore e l'autorevolezza del Papa, credo che la sua capacità di perdono prevalga sulle offese stesse". Secondo Alfano, tra l'altro, "l'accusata si è già assunta le proprie responsabilità con quello che ha detto e la stagione delle riforme impone di spegnere fuochi e non applicare nuovi incendi".


Tratto da:
http://www.rainews24.it/notizia.asp?newsid=86053


Era stata chiara la Guzzanti quando affermò, riportate il 12 settembre, che era ben felice di essere sottoposta a giudizio. La sua felicità consisteva nel fatto che l’imputato sarebbe stato Ratzinger. D’altro canto, esiste una voce popolare che parla delle nefandezze sessuali di Ratzinger e, anche se ciò potesse risultare difficile da provare (infatti, la magistratura, come suo costume, non lo ha arrestato e torturato a suo tempo), il fatto stesso che abbia reiterato il documento di Giovanni XXIII condannando chi denunciava i preti pedofili è una prova delle sue tendenze e delle sue predilezioni sessuali.



Sabina Guzzanti: «Onorata per la denuncia
Stiamo tornando al fascismo,
complimenti al Pd»


ROMA (12 settembre) - «Sono onorata per questa denuncia, certo Alfano potrebbe non autorizzare ma mi pare che possa ben sperare». Parole di Sabina Guzzanti,c he commenta così la decisione della Procura di Roma di avanzare al ministro della Giustizia la richiesta di procedere nei suoi confronti per vilipendio alla religione, dopo gli insulti al Papa pronunciate durante la manifestazione di Piazza Navona dell'8 luglio scorso.«Non vi fate spaventare - scrive ancora la comica in un intervento sul suo sito www.sabinaguzzanti.it - sono gesti intimidatori perché non pensiate che si possa dire impunemente quello che si pensa. Invece si può e perderanno loro. Invece si può e la soddisfazione che si prova è impareggiabile». Per Guzzanti «stiamo tornando a un regime fascista. Complimenti D'Alema, complimenti Veltroni, complimenti Finocchiaro e company. Siete davvero dei portenti. Complimenti anche ai loro indegni supporter supportati che scrivono sui giornali. Avete sostenuto tutte le campagne contro la giustizia, contro le istituzioni democratiche e ora finalmente siamo in una dittatura. I primi a rimetterci sarete voi. Ma non voglio anticiparvi nulla - conclude Guzzanti -. Non vedete a un palmo dal vostro naso e il mondo per voi deve essere una continua sorpresa o spavento».

Tratto da:
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=30920&sez=HOME_INITALIA


C’è da rilevare, in tutto questo, che l’operazione del PD fu vissuta come un tradimento dalla gente. L’Ulivo costruiva una dirigenza cattolica integralista che vedeva personaggi come Veltroni, Rutelli, D’Alema, la Finocchiaro, Bindy, costringere una base laica a votare per quei talebani di Ratzinger.
Se il tradimento fu vissuto da una percentuale relativa di persone della sinistra al punto tale che si rifiutarono di votare Rutelli a Roma, oggi viene vissuta in una crisi devastante in cui le persone non vedono sbocchi ideologici o sociali. Non si tratta più del meno peggio.

Si tratta di comprendere che fra Berlusconi e Veltroni è in corso una sceneggiata il cui fine è la devastazione delle Istituzioni e la distruzione della centralità sociale della Costituzione.
E a pagare sono i cittadini!
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Il metodo del Pagano Politeista

Ho caricato due pagine.
Una che tratta delle idee errate che hanno i Pagani Politeisti e perché tali idee sono errate e la seconda su quello che significa il “progredire” sulla via della conoscenza nella Religione Pagana Politeista.

http://www.stregoneriapagana.it/ilpaganopoliteista.html

http://www.stregoneriapagana.it/progrediredelpagano.html


Si tratta di due pagine legate esclusivamente alla Religione come insieme di individui, comunità, che agiscono nella società.
Non si tratta delle idee del Pagano Politeista, ma di come il Pagano Politeista si pone rispetto all’insieme sociale.
Non si tratta di dire come un Pagano Politeista DEVE pensare, ma qual è l’atteggiamento economicamente più conveniente del suo comportamento in relazione alla societàin cui vive e quali sono i suoi parametri per giudicare ed agire. Per contro, servono anche a valutare il “valore” di ogni singolo Pagano al di là della specificità delle sue idee.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

martedì, settembre 16, 2008

Stregoneria, l'Arte del Sognare. Come e perché!

Parlare di Stregoneria. Argomentare di Stregoneria. Affermare e cercare le “prove che quanto si dice è funzionale alla vita degli Esseri Umani.

Chiunque fa religione dovrebbe fare la stessa cosa. Sottoporre le su affermazioni di “fede”, il suo “credo”, al fuoco della critica ed evitando, per quanto possibile, di nascondersi dietro ad affermazioni del tipo “questione di fede” o “misteri della fede” il cui scopo è quello di evitare di essere scoperti come imbroglioni e truffatori.
Esistono delle regole sociali, determinate dalla Corte di Cassazione, che individuano esattamente i termini di un confronto religioso.

La Stregoneria è L’ARTE DELLA VITA. E’ la vita stessa! La vita che si libera dagli ostacoli che morali e condizioni sociali inumane tentano di imporgli.

L’arte del Sognare è uno delle attività fondamentali della Stregoneria.

A cosa serve il sognare?

Perché si pratica il Sognare?

Esporre il sognare in un video.

Un video che parla di Stregoneria diviso in tre parti per poter essere presentato su YouTube nel canale:

http://it.youtube.com/stregoneriapagana

Esporre il concetto di Sognare nei video:

Stregoneria, l’Arte del Sognare. Come e perché. Prima parte




Stregoneria, l’Arte del Sognare. Come e perché. Seconda parte






Stregoneria, l’Arte del Sognare. Come e perché. Terza parte




Certo che se tutte le religioni facessero come i Pagani cercando di rispettare la vita delle persone e la società civile in cui viviamo, la società potrebbe essere aperta ad un futuro migliore che non quello che lasciano intravedere le cronache attuali.
Sono sempre disponibile a discutere della Stregoneria con chiunque voglia contestarne i principi a differenza di Ratzinger che ha offeso gli studenti dell’Università La Sapienza perché non è in grado di giustificare i suoi principi religiosi.

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

giovedì, settembre 11, 2008

Truffare le persone per assicurarsi un ingiusto profitto: come Gesù!

Truffare le persone.
Usare il pietismo e i poveri per truffare le persone disponibili.
Sottrarre denaro per costruire potere sociale col quale alimentare, ulteriormente la miseria sociale. Quell’ordine di odio e di distruzione sociale esplicitato da Paolo di Tarso, il criminale, quando dice: “Fate la carità al vostro nemico, così accumulerete carboni ardenti su di lui!”. Che significa RUBARE! Perché solo rubando e truffando, ingannando e stuprando, un cristiano può diventare abbastanza ricco per distruggere la società civile in cui agisce.

Quanti soldi la chiesa cattolica ha raccolto per opere a favore dei più poveri: come Teresa di Calcutta o padre Pio.
Pensare ai poveri e costruire hotel a cinque stelle.
Perché i poveri devono vivere nei tuguri affinché i monsignori possano far loro del bene ogni volta che ne hanno voglia!
Questo insegnamento di Gesù è stato perfettamente applicato dal vescovo Gerardo Pierro, solo che, a quanto pare, a differenza dei suoi colleghi, è stato indagato.
Le violenze dei cristiani, in nome del loro dio, in India, Cina, Africa ed America Latina, offendono la società civile; ma le violenze criminali fatte dai cristiani in Italia offendono la Costituzione oltre che a rapinare i cittadini.



28 agosto 2008
LA SOMMA NON ERA DESTINATA A OPERE DI CARITA'
Salerno, sequestrato l'8 per mille alla Curia
Un'ex colonia per ragazzi poveri trasformata in un hotel a cinque stelle. Indagato anche il vescovo, Gerardo Pierro


SALERNO - La Guardia di Finanza ha sequestrato alla Curia di Salerno una parte dei fondi dell'otto per mille: 509 mila euro. L'Arcidiocesi è accusata di aver trasformato un'ex colonia per ragazzi poveri in un hotel a cinque stelle, l’Angellara Home. Il tutto con finanziamenti pubblici pari a 2,450 milioni di euro. Gravi le accuse mosse dal pm Roberto Penna: si va dalla truffa e tentata truffa, al falso, abuso d'ufficio e violazione delle norme edilizie. Tredici gli indagati tra cui il vescovo di Salerno, monsignor Gerardo Pierro. La somma sequestrata, che rappresenta quasi un terzo dei fondi destinati dalla Cei alla Curia salernitana, non è destinata a opere caritatevoli, in modo da non pregiudicare l’attività della Curia in favore delle fasce deboli della popolazione. Si tratta di denaro stanziato per lavori di piccola manutenzione sull'edilizia ecclesiastica. Lo rivela il settimanale Panorama.

TRUFFA E ABUSIVISMO EDILIZIO - Il mese scorso il vescovo di Salerno, monsignor Gerardo Pierro, era finito nel mirino degli inquirenti accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato, abusivismo edilizio e abuso d'ufficio. Il provvedimento appena eseguito dai finanzieri fa seguito al sequestro del 15 luglio, quando furono apposti i sigilli al villaggio «Angellara Home», già Villaggio San Giuseppe, di via Allende, sulla litoranea di Salerno: struttura, del valore di 10 milioni di euro, composta da 40 stanze, sale congressi, ristorante, cucina e stabilimento balneare di recente ristrutturazione. Era finito sotto sequestro anche un finanziamento di un milione e 900mila euro che la Regione Campania, parte lesa nella vicenda, aveva già stanziato per completare i lavori di ristrutturazione. Nel corso del tempo la Regione aveva erogato 2 milioni 500 mila euro al villaggio San Giuseppe, che aveva nel totale beneficiato di quattro finanziamenti, di cui due andati a buon fine. Sequestrato anche un conto bancario, intestato alla curia salernitana sul quale erano depositati 192 mila euro. Il 28 luglio scorso, infine, venne eseguito un altro sequestro di un milione e 200 mila euro, somma depositata su alcuni conti correnti bancari nella disponibilità della Curia di Salerno. Nell'occasione non furono sequestrati i fondi destinati alle scuole del capoluogo e della provincia gestiti dalla Curia salernitana. La vicenda vede indagati anche l'amministratore del villaggio, monsignor Comincio Lanzara e alcuni responsabili del comune di Salerno, che avallarono la realizzazione dei lavori all'interno del villaggio.

Tratto da:
http://www.corriere.it/cronache/08_agosto_28/curia_salerno_sequestrato_otto_per_mille_truffa_abusivismo_vescovo_pierro_106e7f1c-7523-11dd-b47d-00144f02aabc.shtml


I cattolici sono i maggiori proprietari immobiliari italiani.
Il Vaticano costa al contribuente italiano più dello stato nazionale. Non solo costa, ma i cattolici agiscono per disarticolare le istituzioni democratiche e imporre la monarchia assoluta. Così, non è difficile vedere casini a manifestare per il diritto dei missionari cattolici a far violenza a cittadini indigenti. Usare i cittadini indigenti per i propri loschi traffici.
Ma le cose cambiano velocemente, nonostante il cristianesimo e il Vaticano.
La recente globalizzazione ha alzato i redditi dei paesi poveri e ha aumentato, nonostante i missionari cristiani e le loro indicibili violenze, il potere d’acquisto dei paesi poveri. Google, il maggior motore di ricerca del mondo sta acquistando satelliti per collegare alla rete internet ogni angolo della terra. Non ho dubbi che i missionari cattolici tenteranno di prenderne il controllo nei paesi africani, ma un po’ alla volta, nonostante il terrore cristiano, le cose possono cambiare.
Truffare le persone, come insegna il Gesù dei cristiani! Non era lui che prendeva in giro le persone affermando: "In verità, in verità vi dico...." e sparava una fanfaronata dietro l'altra come quella che avrebbe dovuto venire in quella generazione con grande potenza dalle nubi.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

mercoledì, settembre 10, 2008

Festival dell'archeologia al Bostel di Rotzo - Vicenza

In Italia ci sono molte rappresentazioni storiche. Alcune sono celebrative e altre rappresentative.
Alcune sono pompose, altre sono modeste nella rappresentazione ma culturalmente importanti.
Culturalmente importante lo è certamente la manifestazione tenuta dall’associazione Archeidos all’Archeopercorso del Bostel di Rotzo sull’altopiano di Asiago in provincia di Vicenza.
Archeidos ha presentato una serie di situazioni di vita e di antica cultura veneta. Ha usato sia figuranti che molto materiale didattico. Archeidos ha preparato una serie di stazioni nelle quali i ragazzi potevano sperimentare dalla macinatura del grano; a come avviene la ricerca archeologica; all’antica scrittura veneta (sia come scrittura che come tecnica). Poteva essere visitata la ricostruzione di una casa dei Veneti Antichi; si poteva assistere alla costruzione e all’uso di un forno a cielo aperto; al forno chiuso, al lavoro del metallurgico nelle fusioni di piombo e nell’uso degli stampi; veniva presentata la lavorazione dell’argilla per fare i vasi al tornio manuale.
Questa manifestazione si è tenuta il 10 agosto 2008.
Io ne ho tratto alcune immagini utili per il mio progetto di collegare l’antico con l’attuale e il futuro.
Ho messo queste immagini su YouTube tratte da un filmato molto più lungo che caricherò sulla televisione Pagana:



Come è nel costume della Federazione Pagana, non si tratta di evocare un passato o un’età “dell’oro”. Si tratta semplicemente di sottolineare come gli uomini vivessero nel passato coltivando la loro felicità nelle condizioni in cui ciò era possibile. Cercavano il benessere, la comunicazione e quelle relazioni col mondo e le altre società indispensabile per sviluppare la propria conoscenza.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

lunedì, settembre 08, 2008

Festa dei Veneti a Cittadella; la Federazione Pagana; ABITARE IL MONDO

Ieri 07 settembre 2008 a Cittadella in provincia di Padova, l’associazione Raixe Venete ha organizzato la Festa dei veneti.
Nell’ambito della festa ha partecipato anche la Federazione Pagana che, in tema con la manifestazione, “Gli antichi veneti”, ha proposto ai veneti il concetto di “Abitare il mondo” con una mostra sull’uomo dal Paleolitico all’età Romana in riferimento al territorio Veneto.
Una mostra che presentava l’uomo nelle varie fase evolutive non attraverso le scoperte archeologiche, ma anche attraverso le scoperte neurologiche, psicologiche e antropologiche.

La mostra descriveva il passato, ma, anche e soprattutto, metteva in evidenza quegli strumenti di percezione del mondo e di formazione del “conoscere” che, recentemente scoperti dalla scienza, hanno caratterizzato l’agire dell’uomo fin da quando, singola cellula, era nel brodo primordiale.

Il cristianesimo, con la sua violenza morale, etica e la sua violenza sulle emozioni dell’individuo al fine di sottometterlo al suo dio padrone, ha privato l’uomo dell’uso consapevole di quegli strumenti immergendolo in una disperazione psico-emotiva che da un lato indigna e dall’altro offende.

Il cristianesimo ha trasformato l’Essere Umano, Veneto nel nostro caso, in un cadavere che parla delle “cose che partecipano alla vita” come un “giudice” estraneo alla vita.

Per l’educazione ricevuta, l’uomo comune del Veneto non si tiene uscito dalla vagina di sua madre; non è partecipe della vita della Natura; non percepisce empaticamente il mondo o l’altro. Per l’uomo veneto l’altro è il nemico, colui che mette in discussione il suo stile di vita. L’uomo veneto, educato cristianamente, non è in grado di cogliere né le trasformazioni del mondo, né di comprendere il significato delle sue stesse azioni nel mondo (e quando lo comprende, ritenendosi onnipotente, le giustifica quasi fosse un suo diritto farle alla faccia del mondo).

Così il Veneto disprezza il mondo perché la sua tensione emotiva lo spinge a considerarsi “El paron del mondo”. Trova ovvio che gli altri, i diversi, siano i suoi schiavi e dal momento che non li può macellare, allora li offende, li provoca, li diffama.

Per le persone educate dai cristiani in Veneto gli altri sono “bestie che devono mettersi in ginocchio davanti al popolo eletto (i veneti, naturalmetne).

Eppure siamo circondati da un universo immenso e l’uomo ha un infinito numero di possibilità alla quali l’educazione violenta dei cristiani gli impedisce di accedere.

Noi, come Pagani in Veneto, abbiamo tentato con la mostra alla Festa dei Veneti di Cittadella, di illustrare alcune di queste possibilità. Possibilità che sono strumenti attraverso i quali l’uomo può agire nel mondo.




La globalizzazione è una realtà incombente. Non si tratta di globalizzare un’economia. Si tratta di globalizzare l’uomo attivando tutti gli strumenti affinché tutti gli individui siano in grado di agire adeguatamente nel mondo in cui viviamo.

Domani arriveranno i cinesi e gli indiani. Ma non saranno i disperati che i veneti di oggi sono abituati a vessare e ingiuriare. Arriveranno perché avranno più consapevolezza e più capacità soggettiva di usare quegli strumenti che la nostra specie ha messo loro a disposizione e che i veneti, educati cristianamente, si ostinano ad ignorare.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it