Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

martedì, ottobre 07, 2008

Il fallimento bancario e il fallimento della società civile

Ho potuto verificare molta indifferenza fra le persone per il crollo dei mercati finanziari.

E in effetti, le persone non hanno tutti i torti. In fondo, cosa interessa loro se i banchieri ci rimettono soldi o sono costretti a chiudere le banche?

Il meccanismo è abbastanza semplice. Nell’immediato si assiste al crollo delle banche, ma subito dopo scattano i meccanismi di revisione dei tassi di interesse e le necessità delle banche di recuperare i crediti agendo sui loro clienti. Quest’azione, sui loro clienti significa che i clienti di tali banche saranno costretti sia ad adeguare mutui e prestiti in base alle nuove tariffe sia che saranno costretti a fornire nuove e diverse garanzie a copertura dei mutui fatti.

Questo si tradurrà con un notevole aggravio del costo dei mutui. L’aggravio dei mutui coinvolgerà alcune centinaia di migliaia di famiglie. Ma l’aggravio delle spese e la richiesta di rientrare entro i parametri stabiliti, costringerà industriali e artigiani a chiudere le loro attività. Licenziando i dipendenti. Questi, a loro volta, se avranno dei mutui saranno costretti a vendere la casa. Questa operazione si trasferirà nelle famiglie portando a qualche decina di migliaia di persone a perdere la casa per il mutuo non pagato e alcune centinaia di migliaia di persone a non poter più respirare o prendersi un caffé in bar. Nel contempo la disoccupazione aumenterà. Aumenteranno i costi dei servizi comunali perché, se non lo sapete, molti comuni sono esposti per aver fatto prestiti con le banche. Diminuiranno le entrate delle tasse a meno che il governo, in un lampo di orgoglio, non intensifichi il recupero delle imposte evase. Ma dubito che ciò avvenga.
I servizi avranno una contrazione. In pratica, lo Stato, contraendo i servizi, è come se mettesse le mani nel conto corrente dei cittadini.
Questa situazione porterà ad un aumento dello spaccio di droga e della conflittualità sul territorio.

E tutto perché alcuni banchieri hanno messo in piedi la più grande truffa da quando esiste il capitalismo finanziario.




Il mondo finanziario non sarà più quello di prima, ma nemmeno la società civile.
La cosa più grave è che si sono smantellate tutte le strutture produttive manifatturiere del paese per portare le lavorazioni in Romania, Albania, Cina, ecc. E solo la produzione industriale è in grado di rimettere in moto l’economia del paese distrutta dalla struttura finanziaria.

Chi sarà avvantaggiato da questa situazione sarà sia la Cina che l’India. Saranno avvantaggiati i paesi del terzo mondo mentre, invece, i livelli di vita sia Italiani che dell’occidente scenderanno facendo aumentare la fascia di cittadini bisognosi di assistenza. Il processo si è già messo in moto da qualche mese, ma in sordina. Piano, piano. Sottovoce. A febbraio esploderà!

Siete attrezzati per affrontare l’urto?
Siete stati previdenti?
Avete usato, nel passato, il denaro con attenzione ritenendo le banche un nemico da affrontare?
Se lo avete fatto avrete delle possibilità, se non lo avete fatto avrete molte difficoltà!
Riflettete.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it