Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

sabato, novembre 29, 2008

Dalai Lama, il terrorismo contro la società tibetana. Sesso, fobie e angosce del Dalai Lama.

Che il Dalai Lama fosse un povero demente incapace di affrontare le condizioni della vita, non c’erano dubbi. Ma che questo criminale, come Paolo di Tarso, offenda le persone elevando la sua impotenza sessuale a modello è quanto di più vie e squallido la vita umana abbia mai visto.
Lui del sesso conosce solo le angosce fobiche indotte dalla privazione. Una privazione che nel tempo assume i contorni della paura dei rapporti con l’altro. L’altro non è più la persona che si ama, ma è l’oggetto che si violenta e che si deve ridurre alla propria dimensione d’uso. Quando non c’è una pratica di relazioni personali che passano anche per le relazioni sessuali non si è più in grado di considerare l’altro come una persona, ma solo come un oggetto d’uso.
E’ il caso del Dalai Lama infarcito di quell’astinenza sessuale che trasforma il desiderio in fobia e in delirio. Quella fobia e quel delirio che lo porta ad immaginare relazioni conflittuali.
Come per la chiesa cattolica che tanto sangue, angosce e fobie ha imposto a ragazzi indifesi finendo per imporre l’idea fobica della pedofilia e della pederastia come veicolazione delle pulsioni sessuali. Nell’educazione cristiana la sessualità è marchio, legittimazione del possesso sull’altro. Un altro che non deve reagire, non deve manifestare le proprie predilezioni e, soprattutto, non deve chiedere giustizia per le violazioni della sua sfera sessuale. Così, tanto più l’altro è indifeso, tanto più l’altro può essere colpevolizzato e tanto più assicurerà l’impunità al suo violentatore. Così, per l’educazione cristiana al possesso delle persone i bambini assumono, nell’immaginario cristiano, la bestia che non può reclamare giustizia in quanto non hanno diritti perché già posseduti dalla famiglia. Il cristiano, per violentare i bambini si sostituisce, normalmente, alla figura paterna o materna cercando, per far violenza, bambini che abbiano delle difficoltà sociali.
L’ideologia che manifesta il Dalai Lama è la stessa.
Qualche anno fa, nel luglio del 2003 lamentava la mancanza dell’esperienza sessuale come rimpianto della sua vita e oggi, esalta la castità per nascondere la disperazione che ha coltivato nella sua vita.
Che lui sia disperato sono affari suoi, ma che lui diffonda disperazione è una condizione che le società civili devono trattare come offese gravissime.
-

LEADER SPIRITUALE
(29 luglio 2003) - Corriere della Sera

Il Dalai Lama: «Il sesso è piacevole: mi è mancato ma non ho rimpianti»
Il Dalai Lama ha ammesso in un' intervista al Reader' s Digest che quello che gli è mancato rispetto alla gente è l' esperienza del sesso. Tuttavia ha detto di non avere rimpianti, perché «il desiderio e l' attaccamento sessuale sono piacevoli, ma sono la base di rabbia, odio e gelosia».

Pagina 8(29 luglio 2003) - Corriere della Sera
Tratto da:
http://archiviostorico.corriere.it/2003/luglio/29/Dalai_Lama_sesso_piacevole_mancato_co_0_030729021.shtml



Lagos, 20:20 (28 novembre 2008)
DALAI LAMA: IL SESSO FA MALE, MEGLIO CASTI

Meglio soli e casti che accompagnati e lascivi. Parola del Dalai Lama che, parlando ai giornalisti ai margini di una conferenza a Lagos, ha spiegato i rischi del sesso e i pregi di una vita pudica. "Credo che la pressione e il desiderio sessuale siano solo una soddisfazione effimera che spesso conduce a complicazioni successive", ha detto il capo dei tibetani in esilio. La vita coniugale, ha specificato, "causa troppi sentimenti instabili. E' naturale che l'essere umano provi il desiderio per il sesso, ma poi interviene l'intelligenza umana a far capire che certe pratiche sono dannose, e a volte portano ad uccidere e al suicidio". Meglio dunque la "consolazione" del celibato. "Senti che ti manca qualcosa", ha spiegato il leader buddista, "ma paragonato all'intera vita, l'astinenza sessuale da' piu' indipendenza e piu' liberta'". Stando al principio del non attaccamento, rappresentato dalla ruota della morte e dal ciclo della reincarnazione, il sesso e la vita coniugale implicherebbero "un legame troppo forte verso i bambini e verso il partner, ossia uno degli ostacoli alla pace mentale". Il 73enne Nobel per la Pace e' da sempre un punto di riferimento non solo nel campo spirituale, ma anche in quello diplomatico. Nei prossimi giorni sara' a Bruxelles per parlare al Parlamento europeo e in Polonia, dove si prevede un incontro con il presidente francese Nicolas Sarkozy.
(28 novembre 2008)

Tratto da:
http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/DALAI-LAMA-IL-SESSO-FA-MALE-MEGLIO-CASTI/news-dettaglio/3432032


Gestire la sessualità e i rapporti con l’altro è parte essenziale nella crescita delle persone. Una crescita che porta le persone a considerare i diritti dell’altro come i propri diritti. Cosa che il Dalai Lama non fa vedendo le persone tibetane comune delle bestie che si devono mettere in ginocchio davanti a lui che è una qualche reincarnazione di una qualche forma di dio padrone.
Queste affermazioni del Dalai lama sono vergognose ed offensive. Queste affermazioni del Dalai Lama dimostrano quanto odio il Dalai Lama sta manifestando per aggredire la popolazione tibetana e riportarla alla miseria che i buddisti gli imposero.
E' da chiedersi: su che basi vuole il Dalai Lama trattare con i cinesi?
Forse per impedire la sessualità ai Tibetani? Come Ratzinger vuole impedire l'aborto, il divorzio, gli anticoncezionali, ai cittadini italiani sostituendo l'ideologia criminale cattolica alla Costituzione della Repubblica?
E qualcuno, in occidente, gli dice anche "si buana!".
Quando non c’è rispetto per la sessualità delle persone, non c’è rispetto nemmeno per le persone. Le persone diventano bestie da macellare.
Meglio persone lascive che criminali che usano le camere a gas per macellare le persone.

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it