Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

sabato, maggio 23, 2009

Si possono considerare i terremotati abruzzesi dei "nemici della società"? E' una domanda che mi sto facendo!

Da qualche giorno mi sto ponendo la domanda: MA PERCHE’ E’ NECESSARIO ESSERE SOLIDALI CON I TERREMOTATI D’ABRUZZO?

Cosa significa essere solidali e versare qualche euro, o quello che si può, per aiutare i terremotati, se i terremotati stanno aiutando il governo Berlusconi a saccheggiare l’Italia prestandosi alle sfilate politiche di Berlusconi?
Berlusconi ha usato i terremotati d’Abruzzo per la sua campagna elettorale (ha invitato gli altri politici a non fare altrettanto) con la quale ha mascherato la sua incapacità o volontà di danneggiare il paese (scegliete voi su cosa fare la vostra considerazione fra le due) alimentando, di fatto, la crisi economica farneticando contro ogni dato di realtà.

Nello stesso tempo ha sostenuto le banche nella loro azione di devastazione sociale, tant’è che oggi, anche nei confronti dei terremotati, registriamo questa notizia:

Un aquilano si è visto proporre tassi di interesse rispettivamente dell'8,50 e dell'8,90% dopo aver chiesto piccoli prestiti a due grandi banche per la ristrutturazione dell'abitazione danneggiata dal terremoto. Le richieste sono state filmate con una telecamera nascosta per un'inchiesta giornalistica. La Prefettura del capoluogo ha chiesto di avere la registrazione.
Il servizio è già andato in onda sulla tv regionale ATV7. Da un'indagine condotta dal responsabile locale dell'emittente televisiva Gianfranco Sciarra, egli stesso danneggiato dal terremoto, è emerso che il tasso di interesse praticato per piccoli prestiti è pari o superiore all'8,50 per cento in quei due istituti di credito. A causa della mancata liberatoria da parte degli intervistati non sono stati divulgati i nomi delle due banche, ma sono evidenti le dichiarazioni fornite dagli addetti.L'inchiesta è stata mandata in onda nella trasmissione "Sotto le colonne", con riferimento ai portici dell'Aquila. Secondo quanto si è appreso, il filmato, richiesto dall'ufficio stampa della Prefettura, sarà consegnato lunedì prossimo.

Nello stesso tempo, mentre decine di migliaia di persone si sono tolte quanto era loro necessario per aiutare i terremotati d’Abruzzo, non solo questi vengono usati da Berlusconi per la sua campagna elettorale. Vengono usati per nascondere la sua frequentazioni con minorenni o i suoi deliri nazi-fascisti contro magistrati e parlamento. Vengono usati per distrarre l’attenzione internazionale dalla gravità delle sue azioni, come con Barroso. Con la sua faccia di bronzo, Berlusconi ha detto a Barroso, che i centri di identificazione sono dei campi di concentramento; in Sardegna per la sua campagna elettorale disse che erano degli alberghi da cui le persone potevano uscire. A Barroso, naturalmente, non ha detto che è lui che gestisce quei campi di concentramento.

Berlusconi, interessato alle ville, ultimamente ha messo gli occhi su una villa di Taormina.
Berlusconi, che ha molti milioni di Euro, non ha dato nulla ai terremotati d’Abruzzo e non li ha nemmeno pagati per averli coinvolti nella sua campagna elettorale.
Ora, la mia domanda è questa: se i cittadini d’Abruzzo hanno perso la loro dignità morale e anziché rivendicare nei confronti di Berlusconi i propri diritti di cittadini vanno ad elemosinare consentendo a Berlusconi di farsi campagna elettorale con cui, alla fine, distruggere l’Italia; PER QUEL MOTIVO DOVREMMO AIUTARLI?

Il nemico delle persone non è solo Berlusconi che favorisce il licenziamento e l’attività di speculazione delle banche, ma sono anche i cittadini abruzzesi colpiti dal terremoto che aiutano, di fatto, Berlusconi a licenziare i cittadini italiani; costruire la miseria sociale esibendo i terremotati d’Abruzzo come i soggetti a cui lui, buono, estende la carità dello Stato. Come Stato non riconosce i diritti di quei cittadini, ma li riconosce come bisognosi di carità: offende, di fatto, le Istituzioni civili.
Le tasse non sono pagate per far ricco Berlusconi, ma sono pagate perché uno Stato funzioni AL SERVIZIO DEI CITTADINI!
Quando Berlusconi ha sottratto allo Stato le entrate dell’ICI, non ha fatto altro che sottrarre denaro alle emergenze e alle necessità dello Stato senza compensare quella sottrazione di entrate. Anzi, ha messo in difficoltà i Comuni nell’erogazione dei servizi ai cittadini: Berlusconi, di fatto ha messo le mani nelle tasche dei cittadini Italiani. Quando ha erogato fondi per le banche, non solo Berlusconi ha messo le mani nelle tasche degli Italiani costruendo un fondo di garanzia per le banche, ma non ha chiesto nessuna garanzia alle banche affinché cessassero di vessare i cittadini.
Sono state abbandonate tutte le persone che avevano la seconda casa. Gli immigrati sono stati abbandonati. Lo stesso tessuto sociale è stato disgregato, mentre la chiesa cattolica sta rafforzando il suo dominio sui cittadini mediante l'uso di Berlusconi e la protezione civile.

Non mi piace considerare chi ha subito danni come dei nemici: ma se non lo faccio, milioni di persone subiranno altri danni.
Più o meno come i missionari cattolici che esibiscono i bambini come dei trofei per farsi sovvenzionare nella loro attività di distruzione delle popolazione africane.
Se i cittadini abruzzesi rivendicheranno davanti allo Stato i loro diritti di cittadini, sarò solidale con loro; fintanto che gli abruzzesi si metteranno al servizio di un padrone per aiutarlo a sottomettere le persone, allora devo considerarli dei nemici della società civile.

23 maggio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento: