Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

giovedì, ottobre 07, 2010

Il senso dell'allarme di Maroni: organizzerà altri attentati (finti o veri che siano) è il pericolo che paventa all'Italia


Tanto per fare un’ipotesi: è possibile che Maroni abbia organizzato un finto attentato a Belpietro per aggredire Maroni e la società civile?
E’ l’ipotesi più probabile dopo parecchi giorni in cui, dopo le urla iniziali, è calata una cappa di silenzio sulle indagini per il presunto tentativo di attentato a Belpietro. In fondo, chi ha affermato che quel fatto è avvenuto è alle dipendenze di Maroni quale ministro degli interni.

Sono tecniche il Ministero degli Interni ha già usato più volte (poi parlano di "servizi deviati").

Fin da subito le affermazioni di Maroni sono apparse come delle minacce e dei ricatti alla società civile.
Erano dichiarazioni che non avevano il senso dell’impegno nella ricerca di eventuali responsabili, ma erano più finalizzate ad assicurarsi un vantaggio propagandistico e di consenso ventilando azioni di terrorismo mai avvenute.

Riporto un piccolo articolo con delle affermazioni di Maroni:

Fallito agguato a Belpietro, Maroni: ''Abbassare i toni''

ROMA - Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, si è detto "preoccupato" per il cima di tensione in cui sarebbe maturato il fallito agguato al direttore di Libero Maurizio Belpietro. "Purtroppo non è il primo e temo non sarà l'ultimo", ha affermato il titolare del Viminale, secondo il quale "è necessario abbassare i toni perché certe accuse, che si leggono magari su alcuni siti internet, possono dare a qualche mente malata lo spunto per fare queste cose".
Maroni ha anche annunciato che "è stata intensificata la sorveglianza, non solo per Belpietro, ma per altri soggetti considerati a rischio". Nel frattempo gli inquirenti hanno l'identikit dell'aggressore, delineato sulla base della testimonianza dell'agente di scorta di Belpietro. Giovedì sera l'addetto alla sicurezza ha incontrato l'individuo per le scale del palazzo della centralissima via del Monte di Pietà a Milano, dove Belpietro abita.

Lo sconosciuto ha puntato una pistola contro l'agente, tentando di far fuoco. Ma l'arma si è inceppata. L'agente si è messo all'inseguimento dell'uomo per le scale, sparando tre colpi, senza riuscire a impedirgli di dileguarsi. Gli investigatori ritengo che l'aggressore non sia legato a organizzazioni terroristiche politicizzate ma sia un "cane sciolto".

Tratto da:
http://www.romagnaoggi.it/politica/2010/10/3/173377/

C’è da essere preoccupati. Maroni stesso minaccia altri attentati, dice: “non sarà l’ultimo”. Le violenze della polizia di Stato sono riprese. Delle persone aggredite per impedire loro di esprimere il dissenso rispetto all’attività di stupro di bambini di Ratzinger. Persone licenziate e bastonate. Bastonate persone che protestano per le discariche.
Maroni sta creando un clima da guerra civile calpestando le leggi dello Stato e la Costituzione della Repubblica.
Un violento che aggredisce i cittadini.
A Londra 10.000 persone hanno protestato e manifestato in piena visita del criminale Ratzinger mentre la polizia di Maroni aggredisce i cittadini nella loro attività per non “offendere” il diritto di Ratzinger di stuprare bambini.
Maroni che più che un ministro degli Interni appare come il braccio armato dello “stupratore della democrazia” come definito da Di Pietro.

E domani, che farà Maroni?
Tenterà di criminalizzare chi ha lanciato delle uova contro la sede della CISL per salvaguardare il diritto della CISL di trafficare in schiavi in assoluto disprezzo del dettato Costituzionale o garantirsi il diritto di derubare gli Italiani con gli affari sporchi fatti con Alitalia? Oppure picchierà i terremotati dell’Aquila per salvaguardare gli interessi della P3 e di Bertolaso?
La caserma Diaz di Genova è un monito.
All’interno di tutto questo quadro e stando alle notizie che circolano Maroni, o chi per lui, ma sempre alle sue dipendenze, ha organizzato un finto attentato a Belpietro per colpire il dissenso di Di Pietro e fermare il diritto dei cittadini a protestare contro chi, con Maroni, sta calpestando la Costituzione della Repubblica.

07 ottobre 2010

Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento: