Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

venerdì, ottobre 28, 2011

James Hillman se né andato. Ha rifiutato l'accanimento terapeutico ed è entrato nell'Olimpo.

Foto: in onore del suo ultimo libro: "La giustizia di Afrodite"


E’ morto James Hillman: UN GRANDISSSSSSSIMO!



E’ morto l’uomo che ha spiegato alla psicoanalisi come gli Dèi siano l’essenza dell’uomo e come le malattie spesso sorgano nell’uomo proprio attraverso la negazione degli Dèi che da dentro di lui tendono ad uscire per esprimersi nel mondo.
Ricordo quel giorno che scopersi Hillman e che lo usai come conferma per quello che stavo dicendo in radio.
Hillman ha spiegato alla psicanalisi come gli antichi Dèi erano espressioni “dell’anima” delle persone e come le loro storie non erano altro che le storie degli uomini nel loro cammino per trasformarsi in Dèi.
Quando io guardo la mia biblioteca, Hillman ha un posto particolare anche se i suoi libri sono sparsi fra altri. Non è solo il suo “Saggio su Pan” che molti che chiamano sé stessi Pagani hanno letto. C’è “Il sogno e il mondo infero” che mi ha permesso di vedere Ade. “L’anima del mondo e il pensiero del cuore” in cui dice: “Si tratta di dare valore all’anima prima che alla mente, all’immagine prima che al sentimento il che impone a rinunciare ai giochi di soggetto-oggetto, destra-sinistra, interno-esterno, maschile-femminile, immanenza-trascendenza, mente-corpo” in modo che l’emozione, trattenuta da quelle sacre reliquie possa infrangere quei vasi e tornare a fluire nel mondo”. (dalla quarta di copertina dell’edizione Adelphi)
Non è forse ciò che sosteniamo dal 1985 nel Libro dell’Anticristo?
Uscire dalla dualità delle categorie monoteiste per veicolare ciò che siamo nel mondo per costruire ciò che possiamo diventare.
Nella mia libreria, di Hillman, c’è “Il terribile amore per la guerra” l’unico saggio di Hillman in cui ho avuto l’onore di trovare un errore: l’idea che sviluppava l’attribuiva ad Ares anziché ad Efesto. Ma non era un errore, era la forma di un concetto che tutti i Pagani condividono.
Nella mia libreria c’è “La vana fuga dagli Dèi” in cui Hillman dimostra che quando gli uomini fuggono agli Dèi, gli Dèi, negli uomini, si trasformano in malattia. Se non vuoi aver a che fare con gli Dèi nella vita quotidiana, dovrai aver a che fare con gli Dèi dentro di te nella forma di malattia, deterioramento del fisico e della psiche.
E, infine, voglio citare “La forza del Carattere” in cui l’invecchiamento disvelava il carattere dell’individuo forgiato nel corso della sua vita.
Riporto la notizia della sua morte:


Morto a 85 anni il filosofo James Hillman
Adelphi prepara raccolta dei libri piu' amati dallo psicanalista e pensatore statunitense
28 ottobre, 15:27

ROMA - Una raccolta dei libri che piu' amava: questa la novita' che Adelphi ha in preparazione per Natale in ricordo di James Hillman, lo psicanalista e filosofo statunitense morto ieri a 85 a anni a Thompson, in Connecticut.
''Anche se era in preparazione da tempo - raccontano dall'Adelphi che ha pubblicato una decina dei suoi libri - questa sorta di strenna, curata da Paolo Pampaloni e Marco Ariani, offrira' al lettore italiano una chiave in piu' per comprendere la profondita' e la complessita' del pensiero di Hillmann''.
Nato nel 1926 ad Atlantic City, Hillman era malato da tempo, ma ha respinto le cure piu' invasive pur di conservare la sua lucidita' e liberta' di giudizio. Psicologo analista di formazione junghiano, nel 1970, arrivando alla direzione della 'Spring Pubblications', avvio' una revisione del pensiero di Jung in particolare per quanto riguarda la teoria degli 'archetipi'.
Hillman porto' l'analisi fuori da un rapporto a due medicalizzato concentrandosi invece su ''due nuovi centri dinamici'': l'anima e l'archetipo. Di Hillman in Italia sono stati pubblicati numerosi libri e non solo di Adelphi: tra questi, 'Il suicidio e l'anima' del 2010, 'Saggio su Pan' del 1982, 'Re-visione psicologia' del 1992, 'L'anima del mondo' del 2004 (Bur con Silvia Ronchey).
Tratto:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2011/10/28/visualizza_new.html_646683353.html


Hillman se né andato, ma non dopo averci dato l’ultimo suo lavoro: “La giustizia di Afrodite”.
Senza Hillman avrei fatto molta più fatica a spiegare la Religione Pagana, ma con Hillman ero forte. Eravamo forti io e Francesco a rintuzzare per radio le farneticazioni dei cattolici che vivevano le malattie psichiche dopo aver cacciato gli Dèi dalla loro vita per legittimare la loro sottomissione psichica al loro dio padrone.
Noi non ringraziamo Hillman per quello che ha fatto, lo ripaghiamo facendo a nostra volta, consapevoli che ora siamo un po’ più soli sul sentiero della costruzione della Religione Pagana.


Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

28 ottobre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento: