Le modifiche alla Costituzione della Repubblica Italiana.

O le modifiche si pensano come un regime democratico, come democrazia dei cittadini, oppure si pensano dal punto di vista dell'ideologia nazista, come da anni le sta proponendo Luciano Violante del PD, in cui le Istituzioni sono le padrone dei cittadini, concedono i diritti, ma si riservano la libertà di stuprare e violentare i cittadini secondo le loro necessità

giovedì, settembre 13, 2012

Il terrorismo dei cristiani e della chiesa cattolica


Quando si dice che il dio dei cristiani è solo un padrone e in quanto padrone pretende di essere il dio, non lo diciamo per “malignità”, ma perché la bibbia dei cristiani, il loro testo sacro, dice letteralmente:

“Elohim pronunziò tutte queste parole, dicendo:
“lo sono Jahve, Dio tuo, che ti ha fatto uscire dalla terra d'Egitto, dalla casa della schiavitù.
Tu non avrai altri Dèi di fronte a me.
Non ti farai degli idoli, né alcuna immagine di ciò che è nei cieli in alto, o sulla terra in basso, o nelle acque sotto la terra.
Non ti prostrerai davanti a questi idoli, né renderai ad essi un culto: poiché, io, Jahve, Dio tuo, sono un Dio geloso, che punisce l'iniquità dei padri nei figli fino alla terza e quarta generazione di coloro che mi odiano e che mostro misericordia fino alla millesima generazione, per coloro che mi amano e osservano i miei comandamenti.
Non pronuncerai il nome di Jahve, Dio tuo, invano; poiché Jahve non lascerà impunito colui che pronuncia il suo nome invano.”


Esodo 20, 1 -7

Tratto dalla bibbia di Bonaventura Mariani ed. Garzanti 1964

Dice la Costituzione della Repubblica Italiana:

“Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa, in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato e in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buoncostume.”

Art. 19 Costituzione della Repubblica.

Fintanto che i cristiani non condanneranno il loro dio che ordina:

“Chiunque sacrifica, oltre che al solo Jahve, ad altri Dèi, sarà votato all’anatema (allo sterminio).
Esodo 22, 19

Sono individui asociali. Fuori della società civile a cui la Costituzione Italiana concede il diritto di culto purché non intervenga nella società civile.

Possiamo noi Pagani accettare che i cristiani non condannino il loro dio padrone, minacciandoci costantemente di morte perché, anche se la legge li condanna, loro sono intimamente convinti di aver il diritto di macellarci?

Solo questa idea di fondo, nei loro testi sacri, che la chiesa cattolica indica come la parola del loro dio, è una minaccia di morte costante nei confronti dei Pagani e di tutte le forme religiose diverse dalla cristiana.

Oggi non possono, ma, non avendo condannato il loro dio padrone per attività criminale, domani, se le condizioni sociali saranno loro favorevoli, continueranno a macellare le persone come hanno fatto per secoli e come oggi, affermano, il loro dio padrone ordina loro.


Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

13 settembre 2012
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it